Rapporto di lavoro

Proroga tardiva o proroga di fatto?

di Angela Fusco

LA DOMANDA Un’azienda ha chiesto una proroga di 1 anno di un contratto a termine. E' stata omessa la comunicazione entro i 5 gg successivi al Centro Impiego. Come previsto dall’art. 22 Dlgs 81/2015 nel cedolino sono state riconosciute le maggiorazioni previste dalla proroga di fatto. Abbiamo cessato il rapporto entro i 30 gg (contratto con durata complessiva inferiore ai 6 mesi), rispettato i 10 gg previsti per la successione dei contratti e riassunto con un nuovo contratto a termine. Sarebbe stato possibile procedere con una comunicazione tardiva al C.I.? Le conseguenze sarebbero state solo sanzionatorie o avrebbero potuto portare a un disconoscimento della proroga e alla trasformazione del rapporto in uno a tempo indeterminato? Grazie.

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?