Rapporto di lavoro

Controlli a distanza dei lavoratori

di Josef Tschoell

LA DOMANDA Un Ente Regionale appalta a una impresa senza RSU o RSA la gestione di un servizio di call center. Il capitolato prevede che l’appaltante possa effettuare controlli in loco o da remoto sulla prestazione con software e/o registrazione audio delle telefonate. In caso di documentato disservizio, previo invio di verbale di contestazione che identifica il dipendente e trasmissione del file audio, sono previste penali? Si chiede se in tal caso si concretizza la “possibilità di un controllo a distanza dell’attività dei lavoratori ex art 4 L. 300/1970”, non per volontà del datore di lavoro, ma per esigenza vincolante del committente pubblico e quali adempimenti dovrebbe adottare la società aggiudicataria per adeguarsi alla L.300/70.

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?