Rapporto di lavoro

Dis-coll, indennità anche se la volontà recessiva del lavoratore è indotta

di Mauro Marrucci

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

L'indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi (Dis-Coll) compete per qualunque ipotesi o causa di cessazione del contratto, salvo che in caso di recesso volontario del collaboratore. Il principio è stabilito dall'articolo 15 del Dlgs n. 22/2015, che subordina, tra gli altri requisiti, l'erogazione della provvidenza in conseguenza di un generico «evento di cessazione» del contratto avulso dalla volontà del lavoratore. Sembra tuttavia evidente che, ove il collaboratore fosse indotto a recedere dal contratto non tanto per ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?