Rapporto di lavoro

I controlli: prestazione monitorata solo se c’è l’informativa

di Aldo Bottini e Valeria Morosini

La nuova disciplina dello smart working pone in termini diversi dal passato il tema dell’esercizio del potere di controllo sulla prestazione lavorativa. Questo potere datoriale, insito nella stesso concetto di subordinazione, si esercita, nella maggioranza delle situazioni, de visu, nelle sedi aziendali. La modalità di lavoro agile certamente si basa su un incremento dell’investimento fiduciario nella relazione lavorativa, ma non elimina dal rapporto di lavoro il potere datoriale di controllo. Anzi, la prestazione fuori dal perimetro aziendale, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?