Rapporto di lavoro

Senza le tariffe penalizzazione per i più giovani

di Walter Anedda

Un lavoratore dipendente (pubblico e privato) vede garantito il valore minimo del proprio stipendio da un contratto collettivo nazionale: egli sa quanto è la retribuzione minima riconosciuta e il suo datore di lavoro difficilmente si discosta dai valori tabellari previsti. Perché un professionista non deve, analogamente, poter contare su un corretto compenso di riferimento per la prestazione che egli eroga? L’articolo 35 della Costituzione recita: «La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni» ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?