Rapporto di lavoro

Licenziamento per giusta causa della lavoratrice in maternità anticipata

di Josef Tschoell

LA DOMANDA Caso: dipendente in interdizione anticipata dal lavoro per provvedimento ASL (gravidanza a rischio), il datore di lavoro scopre durante la sua assenza gravi atti commessi sul lavoro tutti provati e di volta in volta contestati alla stessa mediante lettera inviata per posta raccomandata. Dopo l'ennesimo "illecito" scoperto, il datore di lavoro esprime la volontà di cessare immediatamente il rapporto di lavoro e vuole procedere ad un licenziamento immediato. Esistono i presupposti normativi per poter procedere a tale interruzione del rapporto di lavoro pur essendo la lavoratrice in astensione anticipata? Qual'è l'iter corretto per non incorrere in problematiche con l'Ispettorato del Lavoro e tutelarsi contro rivendicazioni sindacali?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?