Rapporto di lavoro

Lavoratore distaccato in Germania

di Andrea Costa

LA DOMANDA Una dipendente di società Italiana, italiana, residente in Italia verrà distaccata c/o azienda tedesca facente parte del medesimo gruppo, per un periodo superiore a 183 giorni (il centro di interessi- figli, coniuge- resterà in Italia).Le remunerazioni sono pagate dal distaccante. L'aspetto previdenziale viene risolto con la richiesta del rilascio dell'A1 da parte dell'Inps e il versamento dei contributi nel paese di assunzione. L'aspetto fiscale come viene gestito? E' corretto che la società italiana-sostituto d'imposta, priva di stabile organizzazione in Germania, versi le imposte in Italia (sulle retribuzioni convenzionali?) e la dipendente autonomamente versi le imposte all'estero con successivo recupero a titolo di credito d'imposta?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?