Rapporto di lavoro

Doppie imposizioni

di Andrea Costa

LA DOMANDA Un cittadino tedesco, dipendente di una società tedesca si trasferisce nell’anno 2017 in Italia per la durata di 1 anno, per sviluppare il mercato italiano. Il centro dei suoi interessi (famiglia) rimane in Germania; Essendo un “lavoratore distaccato” la società tedesca continua a pagare i contributi previdenziali in Germania (in quanto rimane all’estero meno di 2 anni); Trattandosi di una trasferta che si protrae per più di 183 giorni, il reddito del dipendente, come previsto dall’art 15 (doppie imposizioni), sarà assoggettato ad imposizione in Italia. La società tedesca non ha e non crea nessuna stabile organizzazione in Italia, e non versa dunque le imposte come sostituto d’imposta in Italia; Domanda: Come paga materialmente le imposte?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?