Rapporto di lavoro

Doppia tassazione

di Andrea Costa

LA DOMANDA Un dipendente è assunto in Italia presso un datore di lavoro estero (tedesco – senza stabile organizzazione). Il dipendente lavora 3 giorni del mese nella sede in Germania. Il commercialista tedesco calcola un cedolino fittizio (per questi 3 giorni) con imposta sul reddito (secondo le regole germaniche), però senza contributi e senza pagare un netto. Domande: Come si procede in Italia durante questi 3 giorni? Sono da pagare le ore fatte in Germania (con calcolo delle tasse e contributi italiani), siccome là non riceve un netto? Il conguaglio delle tasse dev'essere fatto con cedolino italiano mensile o serve fare la dichiarazione UNICO? Il reddito tassato in Germania deve essere trattenuto dal reddito imponibile italiano? Se si, come?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?