Rapporto di lavoro

Costo del licenziamento, le proposte per agganciarlo al mercato

di Antonio Carlo Scacco

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Il firing cost (costo del licenziamento) è quanto il datore di lavoro sarebbe disposto a pagare per interrompere discrezionalmente un rapporto di lavoro (at will) ovvero, in altri termini, il suo massimo grado di tollerabilità alla prosecuzione del rapporto. Sotto altro punto di vista si può impropriamente definire anche come il costo che il datore sarebbe costretto a pagare nella eventualità che la mancanza di motivazione del recesso, e quindi la sua illegittimità, sia accertata a seguito di ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?