Rapporto di lavoro

Portiere, niente ordini dai condòmini

di Vincenzo Di Domenico

«Si metta sotto a fare il suo dovere e pulisca le scale». Queste parole sono state indirizzate di recente da un condòmino alla portinaia del proprio palazzo, da lui accusata di lavorare poco e male. Non è però incarico di chi vive nel condominio quello di dare ordini al portiere: sarebbe insostenibile se tutti gli abitanti della proprietà questionassero sull’operato del lavoratore, ma soprattutto si andrebbe contro le norme di legge. Chi può impartire disposizioni nei confronti di portiere, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?