Rapporto di lavoro

Cambio contratto collettivo con votazione lavorato

di Giampiero Falasca

LA DOMANDA In un'azienda, non iscritta ad alcuna associazione datorile, in cui sono presenti 42 dipendenti di cui 28 iscritti ad un'unica OO.SS., si è raggiunto un accordo in base al quale si abbandona l'attuale Contratto Aziendale siglato con la stessa OO.SS. e si aderisce a Contratto Nazionale, disciplinando armonizzazione con Contratti II Livello. La condizione è che la maggioranza dei lavoratori votino a favore di tale passaggio. In caso di votazione in assemblea, se non si presentano tutti i lavoratori, e dei presenti votanti la metà accetta il passaggio, tale volontà avrebbe validità per tutti, anche i non votanti oppure la metà deve essere valutata su tutto il personale? In pratica chi stabilisce la maggioranza? esistono delle regole?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?