Rapporto di lavoro

L’obbligo contrattuale individua i «trasfertisti»

di Stefano Rossi

A sancire il confine tra lavoratori “trasfertisti” e trasferte “occasionali” è da qualche anno anche la giurisprudenza, che ha spostato l’attenzione sugli obblighi contrattuali assunti dal lavoratore al momento dell’ingresso in azienda. Le aziende devono porre attenzione nel considerare un proprio dipendente come trasfertista o riconoscere, invece, l’indennità di trasferta. La differenza ha, inevitabilmente, una conseguenza penalizzante sul piano fiscale e contributivo: l’indennità da trasfertismo concorre per il 50% alla retribuzione imponibile; mentre il trattamento di ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?