Rapporto di lavoro

Pignoramento successivo alla cessione del quinto

di Braghin Massimo

LA DOMANDA Equitalia notifica al datore di lavoro atto di pignoramento dello stipendio di un dipendente. Il dipendente in precedenza (2 anni prima) ha effettuato la cessione volontaria del quinto dello stipendio. Ai sensi dell'art. 68 del DPR 180/1950 i successivi pignoramenti sono consentiti solo per la differenza tra la metà dello stipendio e la quota già ceduta dal lavoratore, fermi i limiti di cui all’art. 2. Tale norma è da intendersi nel senso che l'ammontare della differenza è l'importo su cui calcolare il quinto da pignorare o questa rappresenta la somma massima pignorabile? Fatto 100 lo stipendio netto, 20 la cessione precedente, la differenza è 30 (50-20), l'importo che il datore dovrà versare all'Equitalia è 6 ( 1/5 di 30) o 20 ?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?