Rapporto di lavoro

Lavoratore padre, tutela licenziamento e Naspi

di Paolo Rossi

LA DOMANDA L'Art. 55 del D.lgs 151/2001 prevede che in caso di dimissioni in "periodo protetto" la lavoratrice madre ha diritto alle tutele previste in caso di licenziamento (es. NASPI). Le medesime tutele sono riservate al padre lavoratore che ha usufruito del congedo di paternità. Nel corso del "periodo protetto" la lavoratrice è inoltre immune da licenziamento. Si chiede: il divieto di licenziamento opera anche per il padre lavoratore a patto che abbia usufruito del congedo di paternità? Cosa si intende per congedo di paternità? Il riferimento è al congedo parentale oppure alla luce della disposizioni in tema di astensione obbligatoria del padre anche al congedo di paternità in senso stretto (2gg)? Ciò a prescinde dalla condizione lavorativa della madre?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?