Rapporto di lavoro

Distacco in paese extra Ue non convenzionato

di Andrea Costa

LA DOMANDA Impiegato residente in Italia e dipendente in una società con sede a Milano facente parte di un gruppo internazionale con sede a Basilea e con diverse filiali in tutto il mondo, è stato distaccato nel 2010 presso una consociata a Shanghai (Cina) e da allora è sempre stato inquadrato come dipendente italiano con retribuzione adeguata ai limiti convenzionati stabiliti ogni anno dall'Inps. Nel 2015 ha spostato la residenza a Shanghai. Si chiede se il distacco viene confermato con le regole applicate finora variando il domicilio in Italia presso la sede di lavoro di Milano oppure se la sua residenza in Cina comporta la sua assunzione presso la filiale di Shanghai. La sua presenza in Italia è saltuaria e quasi sempre non per ragioni lavorative

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?