Rapporto di lavoro

Assenza ingiustificata e retribuzione

di Paolo Rossi

LA DOMANDA In presenza di un’assenza giustificata, la Cassazione conferma il diritto del datore di lavoro di non corrispondere la retribuzione per il periodo di assenza, in base al istituto dell’eccezione di inadempimento ex art. 1460 c.c. Si chiede sapere se e in quale misura la mancata corresponsione riduce la base imponibile ai fini dei contributi previdenziali INPS? Si chiede inoltre sapere se, in presenza della anzidetta mancata corresponsione della retribuzione, è possibili applicare, ai fini sanzionatori, anche una sanzione disciplinare quale la multa o la sospensione dalla retribuzione, o se questo costituisse una violazione del principio ne bis in idem ossia un ingiustificato raddoppiamento sanzionatorio?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?