Rapporto di lavoro

Impresa straniera, indirizzo italiano e indizio di stabile organizzazione

di Andrea Costa

LA DOMANDA Un’impresa straniera opera in Italia senza disporre di una stabile organizzazione. Nei rispettivi contratti di lavoro italiani è stato indicato comunque un indirizzo italiano come sede amministrativa, visto la necessità di indicare un tale indirizzo ai fini di registrazione come datore di lavoro presso l’INAIL e l’INPS. Ciò premesso si chiede di sapere se l’indicazione di un tale indirizzo nel contratto di lavoro costituisce o meno un indizio per la sussistenza di una stabile organizzazione in Italia. Si chiede inoltre se l’indicazione di questo indirizzo costituisce un requisito indispensabile ai fini della validità del contratto o se può essere anche ommesso, limitandosi ad indicare la sola sede legale all'estero.

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?