Rapporto di lavoro

La rinuncia allo stipendio non libera le parti dall'obbligo di versare i contributi

di Antonino Cannioto e Giuseppe Maccarone

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La rinuncia allo stipendio non libera le parti (datore di lavoro e lavoratore) dall'obbligo di versare i contributi che vanno calcolati sulle retribuzioni effettive (anche se non pagate) e non sul minimale contributivo. Cosi si è espresso il Ministero del lavoro nella risposta interpello numero 26/2015 diffusa ieri. Gli esperti ministeriali sono stati chiamati a esprimersi dall'Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro; in particolare l'ANCL, nel quesito, ha ipotizzato la rinuncia, da parte di calciatori e tecnici, delle retribuzioni già ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?