Rapporto di lavoro

Smart working, retribuzione e quadro normativo non inferiori ai lavoratori subordinati

di Giampiero Falasca

Il Ddl collegato alla legge di stabilità tenta di regolamentare lo smart working, quella forma di lavoro - definito “agile” dalla legge - che si colloca a metà strada tra la prestazione classica svolta dentro l’azienda e il telelavoro. L’esigenza di disciplinare questa modalità di svolgimento del lavoro deriva dalla necessità di dare copertura a prestazioni che oggi non trovano una precisa collocazione normativa nel telelavoro (tanto che il progetto di legge sancisce espressamente l’inapplicabilità al lavoro agile delle ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?