Rapporto di lavoro

Distacco di extracomintario

di Andrea Costa

LA DOMANDA Una Spa con sede a Dubai distaccherà, per uno o due anni, un lavoratore extracomunitario per lo svolgimento di prestazioni qualificate presso una Spa Italiana controllata dalla Spa di Dubai, secondo la procedura "ingresso fuori quota" (art. 27, let. a) D.lgs 286/1998). Il testo della norma configura un distacco e,pertanto, in capo al distaccante permangono gli obblighi in tema di LUL, Irpef, Inps. Come può assolvere a tali obblighi l'impresa distaccante, considerato che in Italia non ha una propria stabile organizzazione? Può l'impresa italiana distaccataria se corrisponde direttamente lo stipendio al lavoratore, essere automaticamente soggetta all'obbligo di sostituito d'imposta, non rilevando chi sia o meno il datore di lavoro?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?