Rapporto di lavoro

Trasferta del lavoratore

di Cristian Valsiglio

LA DOMANDA Vorrei sapere se è possibile erogare a un dipendente comandato giornalmente in trasferta (Italia) per un periodo continuativo di due anni sia l’indennità di trasferta giornaliera, sia il rimborso chilometrico per il tragitto abitazione dipendente-sede cliente. È corretto in tal caso non assoggettare a contribuzione previdenziale ed imposizione fiscale sia l'indennità di trasferta(italia fino a € 46,48) che il rimborso km? Dovrà essere comunicata al dipendente una nuova sede di lavoro diversa da quella aziendale indicata sulla lettera di assunzione? In caso di risposta affermativa, l'indicazione della sede del cliente preclude il trattamento esente delle indennità di trasferta e chilometriche?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?