Rapporto di lavoro

Il congedo in Brasile per assistere la figlia

di Alberto Bosco

LA DOMANDA Una dipendente ha chiesto un periodo di 2 mesi di congedo per assistenza della figlia affetta da patologia alle vie respiratorie (broncolabilità), il suo medico specialista ha prescritto nel certificato medico un soggiorno marino nei mesi invernali per curare questa patologia della figlia, a tal proposito la dipendente ha richiesto al datore di lavoro la possibilita' di trascorrere questo congedo all'estero e precisamente in Brasile essendo nativa del Brasile. Il datore di lavoro è quindi tenuto ad accogliere detto congedo con la particolarità il soggiorno estero?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?