Rapporto di lavoro

Co.co.co. e Inpgi

di Paola Sanna

LA DOMANDA D: Alla luce della nota del Ministero del lavoro del 15 dicembre 2004 e poi anche della circolare INPGI n. 2 del 21 febbraio 2013 è previsto che per i soggetti iscritti all'ordine dei giornalisti nella sezione pubblicisti è possibile stipulare una co.co.co.. Si chiede se un datore di lavoro del settore commercio può validamente stipulare un cococo con un giornalista pubblicista che svolge al suo interno attività giornalistica (stesura di comunicati stampa) senza incorrere in possibili disconoscimenti del rapporto di lavoro visto che il committente non è un soggetto che opera nel settore dell'editoria? La possibilità della stipula del cococo è legata alla soggettività del collaboratore e non alla tipologia di comittente?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?