Rapporto di lavoro

Per i controlli a distanza un modello dalla Ue

di Rossella Schiavone

Il Jobs act , che è stato approvato dal Senato, prevede anche la delega al governo per l'adozione – entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge – di decreti legislativi che rivedano la «disciplina dei controlli a distanza, tenuto conto dell'evoluzione tecnologica e contemperando le esigenze produttive ed organizzative dell'impresa con la tutela della dignità e della riservatezza del lavoratore». La coerenza con la regolazione dell'Ue e le Convenzioni internazionali troneggia, così come il Ddl sottolinea, ma ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?