Previdenza e assistenza

Il «cruscotto» non è per tutti

di Mauro Pizzin

I rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls) non sono ammessi alla consultazione diretta dell’applicativo informatico denominato “Cruscotto infortuni”, creato dall’Inail per finalità gestionali dopo l’abolizione dell’obbligo di tenuta del registro infortuni da parte del datore di lavoro, stabilito dal Dlgs 151/2015 con effetto dal 23 dicembre 2015. A chiarirlo è la circolare 45/2016 , pubblicata ieri sul sito internet dell’Inail, che con questo applicativo offre agli organi preposti all’attività di vigilanza, ai datori di lavoro e ai loro ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?