Previdenza e assistenza

Per l’anticipo test di convenienza in base al reddito

di Maria Carla De Cesari e Claudio Pinna

Il punto di partenza della nuova Ape è la determinazione della pensione futura sulla base dei contributi maturati al momento dell’anticipo pensionistico, utilizzando il coefficiente di trasformazione relativo all’età di 66 anni e sette mesi (attualmente 5,506%), che è l’età “canonica” della pensione di vecchiaia. In sostanza, secondo l’ipotesi allo studio dei tecnici della presidenza del Consiglio e del ministero del Lavoro, non ci sarà per il lavoratore una penalizzazione “legale” sull’importo della pensione in cambio dell’anticipo di uno, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?