Previdenza e assistenza

Niente mobbing se c’è negligenza

di Angelo Zambelli

Con la sentenza 2116/2016 la Corte di cassazione è nuovamente intervenuta sul tema del mobbing, nell’ambito di un procedimento instaurato da un portalettere. Nel caso in esame, il lavoratore – che era anche «responsabile del sindacato» - ha sostenuto di essere stato vittima di un «atteggiamento persecutorio» sul posto di lavoro, atteso che sarebbe stato insultato più volte dal direttore dell’ufficio postale e da questi sottoposto a continue richieste ingiustificate (nello specifico prestazioni di lavoro straordinario ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?