Previdenza e assistenza

L’opzione donna e il rigore dei conti

di Matteo Prioschi

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Ultima chiamata, ma forse no, per l’opzione donna, che consente alle lavoratrici di evitare i requisiti previsti dalla riforma previdenziale del 2011 andando in pensione con 57 o 58 anni (+3 mesi) di età e 35 di contributi. Nonostante questa soluzione preveda il calcolo dell’assegno applicando il sistema contributivo all’intero montante previdenziale accumulato dalle interessate, sta riscuotendo un successo superiore alle previsioni della prima ora. Introdotta nel 2004 con validità fino al 2015, l’opzione è stata apprezzata ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?