Previdenza e assistenza

Mobilità volontaria all’Inps, la Cassa di previdenza non è un’opzione

di Fabio Venanzi

Il personale che ha iniziato a lavorare nell'Inps dopo il 22 aprile 1998 a seguito di mobilità volontaria tra enti non può esercitare la facoltà di mantenere l'iscrizione alla cassa pensionistica di provenienza ma dovrà adeguarsi necessariamente a quella dell'ente ricevente. È questa la presa di posizione da parte dell'istituto di previdenza nei confronti di 843 suoi dipendenti. L'Inps precisa che il personale sarà obbligatoriamente iscritto, a decorrere dalla data del passaggio, al regime pensionistico dell'ente di ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?