Contratti di lavoro

Alla Asl l’inidoneità al lavoro di notte

di Enzo De Fusco

Il limite della prestazione di lavoro pari a «otto ore in media nelle 24 ore» si applica esclusivamente ai lavoratori notturni. Ossia a chi svolge di notte almeno tre ore del suo tempo di lavoro giornaliero impiegato in modo normale oppure svolga nel periodo notturno almeno una parte del suo orario di lavoro secondo le norme definite dai contratti collettivi di lavoro. Se non c’è una disciplina collettiva, è considerato lavoratore notturno qualsiasi lavoratore che svolga per almeno tre ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?