Contratti di lavoro

Sanità, l'indennità di pronta reperibilità va pagata anche per le ore non autorizzate

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Nel comparto sanitario, in presenza di ore di reperibilità prestate ma non autorizzate, l'ente datore ha comunque l'obbligo di retribuire tali prestazioni lavorative, potendosi rivalere nei confronti dei funzionari eventualmente responsabili dell'utilizzo improprio del personale durante l'orario di lavoro. Questo è quanto emerge dall'ordinanza 27797 della Sezione lavoro della Cassazione, depositata ieri, con la quale i giudici di legittimità hanno tracciato una linea di demarcazione tra il lavoro straordinario e la pronta reperibilità: il primo è un istituto di ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?