Contratti di lavoro

Il primo test sulle co.co.co arriverà dai tribunali

di Alessandro Rota Porta

Dopo l’intervento del codice dei contratti (Dlgs 81/2015), anche il Jobs act del lavoro autonomo si è spinto sul campo delle collaborazioni coordinate e continuative: una disciplina che – nonostante le diverse correzioni – fatica a trovare un assetto definito. In particolare, la modifica riguarda la definizione di co.co.co contenuta nel Codice di procedura civile: nel testo dell’articolo 409, dopo le parole «anche se non a carattere subordinato», si inserisce questa previsione: «La collaborazione si intende coordinata quando, nel ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?