Contratti di lavoro

L’occupazione sale ma è determinata

di G. Pog.

Nell’ultimo trimestre del 2016 per il lavoro dipendente si contavano 478mila posizioni lavorative in più rispetto allo stesso periodo del 2015, dovute in gran parte al tempo indeterminato (+345mila compreso l’apprendistato) e al tempo determinato (+133mila inclusi gli stagionali). Il dato riguarda le comunicazioni obbligatorie al ministero del Lavoro che evidenzia come, nel confronto congiunturale, siano i contratti a tempo determinato ad avere maggior appeal (+64mila posizioni), rispetto al tempo indeterminato (+19mila, con una lieve accelerata a fine ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?