Contratti di lavoro

Cumulabilità tra lavoro accessorio e Naspi: comunicazione solo se il compenso supera 3.000 euro

di Antonio Carlo Scacco

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Se i compensi stimati per lavoro accessorio percepiti dai beneficiari di indennità di disoccupazione Naspi o prestazioni integrative del salario superano, nel corso dell'anno civile, il limite dei 3.000 euro rivalutati, il percettore dovrà comunicarlo preventivamente all'istituto previdenziale: lo precisa il messaggio Inps 494 del 4 febbraio. La comunicazione è dovuta prima che il compenso (o i compensi se derivanti da più contratti di lavoro accessorio) superino la soglia indicata, pena la decadenza dell'indennità Naspi. La precisazione interviene ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?