Contratti di lavoro

Il recesso illecito non comporta la reintegrazione

di Daniele Colombo

Con il contratto a tutele crescenti, la nullità (o illiceità) del licenziamento intimato al lavoratore durante il periodo di prova non comporta l’applicazione della tutela reintegratoria prevista dall’articolo 2 del Dlgs 23/2015 , ma solo le conseguenze di diritto comune, come la prosecuzione della prova sino alla sua scadenza ovvero, se questo non è possibile, il risarcimento dei danni subiti, rappresentato dalle retribuzioni perse sino al termine del periodo di prova. Da questo punto di vista, infatti, non c’è ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?