Contratti di lavoro

Con i contratti collettivi “pirata” niente agevolazioni

di Carmine Santoro

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Ilministero del Lavoro, con nota del 24 marzo 2015 , opera una ricognizione in merito alla problematica dei cosiddetti contratti pirata e del concetto normativo di "maggiore rappresentatività comparata". Il dicastero rammenta che il principio di libertà sindacale, di cui all'articolo 39 della Costituzione, non può comportare l'applicazione generalizzata, da parte del datore di lavoro, dei cosiddetti contratti pirata, contratti collettivi "di comodo" più favorevoli alle aziende sul piano retributivo e normativo rispetto a contratti dello stesso settore ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?