Contratti di lavoro

I consulenti: tutele crescenti anche per la Pa

di Mauro Pizzin

Il contratto a tutele crescenti costituisce una tipologia d’ingresso d’ingresso economicamente più conveniente rispetto all’apprendistato (almeno per le aziende con più di 9 dipendenti) e deve ritenersi applicabile anche ai dipendenti pubblici finchè non verrà prevista una specifica previsione di esclusione. Nella circolare della Fondazione studi dei consulenti del lavoro che fotografa il nuovo strumento previsto nel Jobs Act (legge delega 183/14) la sua comparazione con quell’apprendistato che la riforma Fornero intendeva valorizzare «come modalità prevalente di ingresso dei ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?