Contratti di lavoro

I minimali di retribuzione giornaliera e l’apprendistato

di Pietro Gremigni

LA DOMANDA Molti consulenti del lavoro sostengono che il minimale di retribuzione giornaliera non debba essere applicato alle retribuzioni degli apprendisti, dal momento che il comma 5 dell'art. 7 del DL 463/1983 annovera l'apprendistato fra le categorie esentate. Altri sostengono che gli apprendisti non sono esentati, in forza della legge 296/2006 (Finanziaria 2007), che, avendo abolito la marca settimanale, ha di fatto abbattuto l'elemento discriminante alla base della deroga di cui al sopra citato comma 5. In pratica, ora che la marca settimanale è stata abrogata, dovrà essere applicato anche agli apprendisti il criterio di determinazione dell'imponibile previsto per la generalità dei lavoratori. Quale dei due orientamenti deve ritenersi corretto?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?