Contrattazione collettiva

Doppio vantaggio fiscale se il premio diventa pensione

di Enzo De Fusco

Sostituire il premio di risultato con un versamento alla previdenza complementare porta al lavoratore due vantaggi: l’esenzione fiscale del versamento anche oltre i 5.164 euro e la non imponibilità fiscale della quota di prestazione che sarà riconosciuta. La circolare 5/2018 dell’agenzia delle Entrate ha affrontato in modo dettagliato le modalità e gli effetti pratici della scelta di convertire il suo premio di risultato in un versamento alla previdenza complementare. In primo luogo è necessario che l’accordo sindacale preveda espressamente ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?