Dopo il Jobs act strumento meno attrattivo
Contrattazione collettiva

Dopo il Jobs act strumento meno attrattivo

di Alessandro Rota Porta

Prima dell’apertura alla contrattazione aziendale operata dal decreto legislativo 81/2015, le parti che avessero voluto operare una declinazione “su misura” delle regole generali potevano muoversi con due differenti modalità: esercitando la delega sulle specifiche materie lasciate dagli accordi collettivi nazionali alla libertà negoziale del secondo livello; ricorrendo alle intese di prossimità, in base all’articolo 8, del Dl 138/2011. La linea tracciata dal Codice dei contratti, attuativo del Jobs act, non cancella quest’ultima possibilità ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?