Contenzioso e giurisprudenza

I crediti retributivi maturati dopo il licenziamento devono essere ammessi al passivo

di Salvatore Servidio

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Nella questione oggetto dellasentenza 23 marzo 2018, numero 7308, della Corte di cassazione, il tribunale rigettava la domanda di una lavoratrice di ammissione al passivo del fallimento della datrice, per il fatto che, in seguito alla dichiarazione di fallimento, la stessa non aveva più percepito le retribuzioni ed era stata poi licenziata, recesso dichiarato “inefficace” con sentenza passata in giudicato per violazione della legge 23 luglio 1991, n. 223 (la lavoratrice aveva chiesto l'ammissione delle retribuzioni non percepite ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?