Contenzioso e giurisprudenza

Videoripresa occulta, il processo è equo se non è l’unica prova

di Marina Castellaneta

Il datore di lavoro deve avvisare i dipendenti se utilizza strumenti di videosorveglianza. E questo anche quando vuole accertare l’identità dei lavoratori sospettati di furto. Detto questo, però, le prove raccolte attraverso le telecamere nascoste possono essere utilizzate in un processo relativo al licenziamento se non sono l’unica prova a carico dei dipendenti. È la Corte europea dei diritti dell’uomo a stabilirlo con la sentenza depositata ieri (ricorsi n. 1874/13 e 8567/13), di condanna alla Spagna ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?