Contenzioso e giurisprudenza

L’aumento dei profitti giustifica il licenziamento

di Angelo Zambelli

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

A un anno esatto dalla pronuncia 25201 del 7 dicembre 2016, che tanta eco aveva ricevuto sulla stampa, non solo specialistica, la Corte di cassazione torna a pronunciarsi su un aspetto del licenziamento per giustificato motivo oggettivo e, in particolare, sulla possibilità che questo possa o meno essere integrato dall'esigenza dell'impresa di incrementare il profitto mediante la soppressione di una posizione lavorativa. Per comprendere la portata della decisione è opportuno ricordare che, sull’argomento, la giurisprudenza di legittimità è stata ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?