Contenzioso e giurisprudenza

Fine appalto, licenziamento senza criteri di scelta

di Giuseppe Bulgarini d’Elci

Se il licenziamento intimato nei confronti di un dipendente si basa sulla cessazione dell’appalto e sulla conseguente soppressione del servizio cui era dedicato il lavoratore, la validità del recesso non è subordinata all’applicazione, in via analogica, dei criteri di scelta previsti nella selezione del lavoratore in esubero dalla procedura di licenziamento collettivo. La Cassazione ha sostenuto(sentenza 25653/2017) che, nonostante le mansioni cui era addetto il dipendente fossero identiche a quelle di altri colleghi, la circostanza che a ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?