Contenzioso e giurisprudenza

Il termine errato per fare opposizione indicato in cartella salva il contribuente

di Silvano Imbriaci

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Il destinatario di una cartella di pagamento di contributi previdenziali è legittimato a fare affidamento sulle conoscenze trasmessegli mediante l'atto medesimo, e quindi incorre in errore scusabile nel caso in cui abbia proposto opposizione nel termine in esso indicato, ancorché non corrispondente al termine prescritto per legge. L'erronea indicazione nella cartella di pagamento di un termine per proporre impugnazione, superiore rispetto al limite massimo indicato dalla legge, non rende dunque inammissibile l'opposizione a ruolo esattoriale depositata oltre ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?