Contenzioso e giurisprudenza

Lavoro subordinato anche se non c’è continuità giornaliera

di Giuseppe Bulgarini d'Elci

La presenza di continuità nello svolgimento della prestazione lavorativa non costituisce requisito indispensabile al fine di riconoscere la natura subordinata del rapporto di lavoro, sviluppatosi tra le parti in assenza di formale regolamentazione contrattuale. Precisa la Corte di cassazione (sentenza 23056/2017 ) che la fattispecie di subordinazione prevista dall'articolo 2094 del codice civile non richiede necessariamente una continuità giornaliera nell'esercizio dell'attività lavorativa, essendo compatibile con la natura dipendente del rapporto anche una prestazione cadenzata con tempi alternati o ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?