Contenzioso e giurisprudenza

Disparità di trattamento con prova di tipo statistico

di Daniele Colombo

La distinzione tra licenziamento discriminatorio e ritorsivo non è solo una questione nominalistica. Le recenti conclusioni della Suprema corte secondo le quali il licenziamento discriminatorio ha valenza oggettiva indipendentemente dalla volontà effettivamente discriminatoria del datore di lavoro impattano anche sull’onere della prova. Nel perimetro della discriminazione, il lavoratore che lamenti di essere stato licenziato, appunto, per ragioni discriminatorie, ha l’onere di dimostrare in giudizio l’esistenza a suo danno di un trattamento deteriore rispetto a quello che ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?