Contenzioso e giurisprudenza

Per il repêchage non va esclusa alcuna possibilità

di Massimiliano Biolchini e Serena Fantinelli

La Corte di appello di Roma, con la sentenza 823 del 14 febbraio, è intervenuta in una contorta e per certi versi paradossale fattispecie relativa a un caso di licenziamento intimato per giustificato motivo oggettivo e regolato dalla legge Fornero, stabilendo che l’obbligo di repêchage va adempiuto secondo correttezza e buona fede, confermando l’indirizzo prevalente per cui, in caso di sua violazione, non ricorre quella manifesta insussistenza del motivo addotto che può comportare l’ordine di reintegra. Tuttavia la mancanza ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?