Contenzioso e giurisprudenza

Patto di prova nullo con reintegra

di Giuseppe Bulgarini d’Elci

Anche nel vigore del contratto di lavoro a tutele crescenti, l’illegittimità del licenziamento intimato sul presupposto di un patto di prova nullo comporta il diritto del lavoratore alla reintegrazione nel posto di lavoro e ad un indennizzo risarcitorio fino ad un massimo di dodici mensilità. Questo principio è stato affermato dal Tribunale di Milano con sentenza del 3 novembre 2016, nella quale si è ritenuto che, posta l’invalidità del recesso datoriale in quanto basato su un patto di prova ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?